Un altro Lutto per le Guardie Giurate

 

 

 

 

                                                                                                                                                                                                       

 

L’ennesima tragedia, che ha colpito,per l’ennesima volta,le Guardie Giurate. Categoria che è al totale sbaraglio vittima di un sistema inappropriato, legata a burocrati i quali legiferano senza criterio di causa, sicuramente alcune volte senza sapere nemmeno cosa sia la Guardie Giurate, cosa significa fare una pattuglia notturna, cosa significa lavorare in solitudine nel nulla che ti circonda, lavorare senza tutele e i giusti riconoscimenti. Mentre aspettiamo che qualcuno che “abita” i palazzi del potere si accorge di Noi, Noi rischiamo la vita rischiamo di non tornare a casa dalle nostre famiglie. Siamo incatenati da mille circolari,ma non cambia mai nulla,non è un sistema nuovo che avanza ma il vecchio che torna… Credo, anzi A.N.G.G.I. e convinta che sia ora di mobilitare la categoria e fermarci fino a quando le istituzioni accolgano le nostre richieste non è una lotta contro il datore di lavoro ma contro chi ci deve tutelare come lavoratori cioè lo stato. I sindacati stanno a guardare non c’è stato uno che sia uno che abbia detto o fatto qualcosa. nulla a togliere ad altre categorie ma se fosse successo ad un portuale o ad un operaio dell’ autostrada sarebbero apparsi titoloni e sindacalisti inferociti che avrebbero invocato la SICUREZZA sul Lavoro, ma per noi Guardie Giurate la SICUREZZA SUL LAVORO non deve esistere??? NOI vogliamo l’obbligo della doppia guardia in tutte le postazioni e pattuglie NOTTURNE E DIURNE e non venite a dire che non è possibile perché i costi sarebbero troppo alti!!! Noi siamo più che sicuri che il costo non coprirebbe mai la perdita di una vita. Quindi mobilitiamoci facciamo muovere questi personaggi che ci devono tutelare per far si che non ci sia mai più una morte che si poteva evitare.  

 

Ufficio Stampa A.N.G.G.I.               

Vai alla barra degli strumenti